Tecniche creazione comportamenti

banner tecniche creazione comportamenti

Esistono diverse tecniche per creare nuovi comportamenti sfruttando le capacità di apprendimento dei cani; di seguito le principali.

Luring

Una TCC (tecnica di creazione di un comportamento) che serve per insegnare un comportamento al cane guidandolo attraverso l’uso del bocconcino tenuto in mano, a seguirci cercando infine di indurre un comportamento o posizione per ricevere il premio.

Come si utilizza?

Fase 1
  • In precedenza, insegniamo al cane a seguire la mano con il bocconcino, con il muso appiccicato al palmo, senza mordere e senza agitarsi;
  • Attendiamo che il cane sia tranquillo;
  • Con l’utilizzo della mano e/o una posizione del corpo induciamo il comportamento;
  • All’emissione del comportamento desiderato, rinforziamo con un premio;
  • Ripetiamo.
Fase 2
  • Attendiamo che il cane sia tranquillo;
  • Introduciamo il comando vocale un attimo prima di indurre il comportamento;
  • All’emissione del comportamento desiderato, rinforziamo con un premio;
  • Ripetiamo.
Fase 3
  • Attendiamo che il cane sia tranquillo;
  • Introduciamo il comando vocale;
  • Attendiamo che il cane rifletta senza più inserire il gesto corporeo;
  • All’emissione del comportamento desiderato, rinforziamo con un premio;
  • Ripetiamo.

Capturing

Una TCC (tecnica di creazione di un comportamento) che serve per insegnare un comportamento al cane semplicemente attendendo l’emissione spontanea del comportamento e rinforzandolo. Tecnica comunemente definita “metodo naturale”.

Come si utilizza?

Fase 1
  • Attendiamo che il cane sia tranquillo;
  • Aspettiamo che il cane emetta spontaneamente un comportamento;
  • All’emissione del comportamento desiderato, rinforziamo con un premio;
  • Ripetiamo.
Fase 2
  • Attendiamo che il cane sia tranquillo;
  • Introduciamo il comando vocale un attimo prima o mentre il cane emette il comportamento;
  • All’emissione del comportamento desiderato, rinforziamo con un premio;
  • Ripetiamo.
Fase 3
  • Attendiamo che il cane sia tranquillo;
  • Introduciamo il comando vocale;
  • Attendiamo che il cane rifletta;
  • All’emissione del comportamento desiderato, rinforziamo con un premio;
  • Ripetiamo.

Targeting

Una TCC (tecnica di creazione di un comportamento) che serve per insegnare un comportamento al cane, a distanza, guidandolo attraverso l’uso di un target di riferimento che lo porterà ad emettere il comportamento desiderato.

Come si utilizza?

Fase 1
  • In precedenza, insegniamo al cane a toccare con il naso il target, a riconoscerlo e seguirlo;
  • Attendiamo che il cane sia tranquillo;
  • Posizioniamo il target in una posizione strategica per favorire il comportamento;
  • All’emissione del comportamento desiderato, rinforziamo con un premio;
  • Ripetiamo.
Fase 2
  • Attendiamo che il cane sia tranquillo;
  • Introduciamo il comando vocale un attimo prima di mandare il cane sul target e quindi di emettere il comportamento;
  • All’emissione del comportamento desiderato, rinforziamo con un premio;
  • Ripetiamo.
Fase 3
  • Attendiamo che il cane sia tranquillo;
  • Introduciamo il comando vocale;
  • Attendiamo che il cane rifletta senza più inserire il target;
  • All’emissione del comportamento desiderato, rinforziamo con un premio;
  • Ripetiamo.

Shaping

Una TCC (tecnica di creazione di un comportamento) che serve per insegnare un comportamento al cane, generalmente complesso, attraverso il rinforzo di tutte le piccole azioni che il cane mette in atto, che in qualche modo si avvicinano al comportamento finale desiderato. Tecnica comunemente definita “modellaggio”.

Come si utilizza?

Fase 1
  • Attendiamo che il cane sia tranquillo;
  • Aspettiamo che il cane emetta spontaneamente un comportamento che in qualche modo può esserci utile al raggiungimento dell’obbiettivo;
  • All’emissione del comportamento, rinforziamo con un premio;
  • Ripetiamo.
Fase 2
  • Attendiamo che il cane sia tranquillo;
  • Aspettiamo che il cane emetta spontaneamente un nuovo comportamento che si avvicina di più al raggiungimento dell’obbiettivo;
  • All’emissione del comportamento, rinforziamo con un premio;
  • Ripetiamo senza più tornare indietro, ma continuando a premiare comportamenti migliori fino ad arrivare a quello definitivo.
Fase 3
  • Attendiamo che il cane sia tranquillo;
  • Introduciamo il comando vocale un attimo prima o mentre il cane emette il comportamento;
  • All’emissione del comportamento desiderato, rinforziamo con un premio;
  • Ripetiamo.
Fase 4
  • Attendiamo che il cane sia tranquillo;
  • Introduciamo il comando vocale;
  • Attendiamo che il cane rifletta;
  • All’emissione del comportamento desiderato, rinforziamo con un premio;
  • Ripetiamo.

Jessica Furbaus

Titolare della scuola Furbaus.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: